Anche in un momento in cui molte professioni vengono messe a rischio dall’automazione, dallo sviluppo dell'intelligenza artificiale, dalla tecnologia, le professioni ad alto tasso di creatività non sembrano correre pericoli per il futuro.

Se hai pensato di diventare graphic designer, potresti quindi avere molte opportunità di trovare lavoro. Per saperne di più su questa figura professionale, leggi anche il nostro articolo "Cosa fa un graphic designer: scopri se è la professione adatta a te".

Ma se pensi che sia sufficiente una passione per le immagini e la tipografia, saper disegnare e possedere una buona capacità inventiva.

Potresti dare un’occhiata ai molti corsi di formazione accademica che sono sorti per preparare gli studenti a questa professione, alla ricchezza e alla profondità dei programmi di studio e scoprire che c’è molto altro.

Per lavorare nel graphic design serve una preparazione completa e aggiornata.

 

Graphic designer, istruzione e carriera

La professione di designer grafico richiede una preparazione qualificata e interdisciplinare.

Per questo, anche se non obbligatorio, un titolo di studio in Communication design offre l’opportunità di ottenere una formazione indispensabile per conoscere gli strumenti del mestiere e imparare a usarli con successo.

E questo vale molto di più del titolo.

 

Stai pensando di diventare un Graphic Designer? Lo IAAD può aiutarti. Esplora tutte le opportunità che possiamo offrirti. Scarica la brochure completa dell'offerta formativa

SCARICA LA BROCHURE

 

Una formazione tecnico pratica soddisfa le richieste del vasto campo professionale della comunicazione e della pubblicità.

Su queste premesse IAAD ha creato un corso specifico, con indirizzo in Progettazione Grafica. Per saperne di più, leggi anche "Come diventare graphic designer: scopri il corso IAAD".

 

Cultura e technicalities

Per avviarsi alla professione di graphic designer serve innanzitutto la curiosità di voler scoprire la storia della pubblicità, della fotografia, del videomaking, di conoscere quanto di nuovo si delinea nel mondo circostante, ma servono anche le conoscenze tecniche.

Queste spaziano dai più importanti software per la lavorazione delle immagini statiche e in movimento - Photoshop, Illustrator e InDesign, After Effects, Premiere e Dreamweaver - alla modellazione 3d e ai cms, come Joomla e Wordpress, fino alla tipografia.

Conoscere i caratteri e la loro progettazione è indispensabile quanto comprendere le opportunità digitali offerte dal SEO, Search Engine Optimization, e dal SMO, Social Media Optimization.

Queste sono le materie del percorso triennale in Progettazione Grafica ed Editoriale a indirizzo Design della Comunicazione di IAAD.

 

Graphic designer e progetti di comunicazione visiva

Il designer grafico lavora in un ambito ampio e ricco di sfaccettature diverse, che offrono gli spunti per molteplici specializzazioni.

Utilizza la comunicazione visiva per progettare logo, marchi, packaging, pubblicità, prodotti editorial.

Ma per arrivare a essere versatili o a capire quale settore è più affine alle proprie attitudini, fare i primi esperimenti pratici nella professione è fondamentale.

 

Il tuo primo portfolio

IAAD offre agli studenti l'opportunità di creare un portfolio dei loro progetti.

Una raccolta di opere che dimostra capacità e stili è essenziale per far valutare a eventuali datori di lavoro e clienti la professionalità del designer.

Questo è possibile grazie a un ricco programma di partnership e collaborazioni con imprese ed enti, sviluppato per portare in aula occasioni di approfondimento, di lavoro, di confronto, di crescita.

 

Il graphic designer al servizio del cliente 

Il designer grafico deve anche tenere il passo con i continui aggiornamenti tecnologici per interpretare le richieste di ogni progetto al meglio delle sue possibilità e sfruttando al massimo quelle offerte dai media visivi.

Anche se i mezzi possono variare, comunque il contenuto venga creato, i principi fondamentali di progettazione grafica sono gli stessi utilizzati nel corso del tempo e sono intesi a risolvere il problema di un cliente:

Nel design non ha senso creare qualcosa che, pur sembrando bello o attraente, non riesca a soddisfare quel bisogno.

Quindi, il committente viene coinvolto nella progettazione del design, sviluppando ogni fase del processo in un confronto continuo.

Questo riduce il rischio di dover tornare più volte sui propri passi e garantisce un passaggio efficace dall’idea al prodotto finito.

Anche questo è un aspetto che si apprende in aula, allo IAAD, perché si lavora a fianco di professionisti, imparando a gestire i feedback per migliorare il proprio design

Il percorso professionale del graphic design è un misto di idee, comunicazione, artigianato, digitale.

Come accennato, non si tratta solo di creare ‘belle’ immagini, si tratta di dare forma a progetti che siano rilevanti per le persone.

Questo è il confine ideale tra il lavoro dell’artista e la professione di designer grafico.

 

Designer grafico, tra formazione e improvvisazione

Si potrebbe pensare che sia sufficiente seguire qualche corso o auto formarsi per imparare ciò che serve a diventare graphic designer e forse per qualcuno è stato sufficiente.

Tuttavia, senza nessuno che ti faccia da mentore, è difficile sapere se la tua preparazione copre le richieste del mercato per lo svolgimento della professione.

Convincere un eventuale datore di lavoro che le tue competenze sono solide e sufficienti è ancora più difficile, senza un curriculum che lo dimostri.

Ottenere un titolo di studio aiuta a costruire le conoscenze fondamentali per una carriera e a comporre un portfolio, strumento fondamentale per proporsi nel mondo del lavoro.

 

Vuoi saperne di più sull'Offerta Formativa e le opportunità di carriera con IAAD? Prenota un colloquio di approfondimento con l'Ufficio Orientamento nella città di tua preferenza

UFFICIO ORIENTAMENTO TORINO

UFFICIO ORIENTAMENTO BOLOGNA