Spesso i designer d'interni, soprattutto quando sono alle prime armi, possono avere difficoltà a orientarsi nel mondo del lavoro e a trovarne uno soddisfacente, perché manca la pratica sul campo.

Qui sorge un paradosso: è impossibile acquisire esperienza senza lavorare e sembra molto difficile trovare un lavoro senza esperienza pregressa.

Ma non deve necessariamente essere così! 

Proprio per evitare questa situazione di impasse, IAAD ha profuso molto impegno nel costruire un percorso formativo assolutamente pratico, affiancato da proposte di collaborazione con aziende ed enti su progetti specifici. 

Questo è il modo in cui l’Istituto d’Arte Applicata e Design ha risolto il paradosso: mettendo i propri studenti di interior designer nella possibilità di acquisire già tra i ‘banchi’ l’esperienza pratica necessaria a crearsi un portfolio. 

Per saperne di più sul corso leggi anche: "Interior Design a Torino: come si struttura il corso e cosa offre".

 

I tre migliori motivi per scegliere il corso di Interior Design allo IAAD

 

Come fa un buon designer, che ascolta, interpreta, anticipa le esigenze del mercato, così ha fatto IAAD: ha messo a punto il percorso di formazione in Interior Design a partire dalle competenze necessarie a svolgere oggi questa professione.

 

Sei interessato al Corso Triennale in "Interior design"? Scarica la brochure gratuita per avere maggiori informazioni sul percorso di studi

SCARICA LA BROCHURE

 

Ha poi arricchito la sua offerta formativa con degli elementi caratteristici, che la rendono riconoscibile e particolarmente utile per posizionarsi sul mercato del lavoro. Leggi anche, "Quali sono le opportunità di carriera che si prospettano con IAAD".

 

Un piano di studi su misura di interior design

Attualmente, un valido corso di Interior Design trova il suo fondamento nella multidisciplinarietà, nella attitudine alla ricerca e alla condivisione delle conoscenze, nella qualità dei progetti, nell’autorialità dell’istituto e dei professori

I piani di studio in IAAD uniscono in modo conveniente e pragmatico le materie di carattere umanistico.

Come storia dell’arte, dell’architettura e del design, sociologia, semiotica del design.

Anche a materie più legate all'indirizzo di studio - progettazione degli ambienti e dei sistemi di arredo, home design, exhibit design, design dei processi sostenibili, ergonomia, scienza e tecnologia dei materiali, modellistica, tecniche di rappresentazione digitale.

Per formare designer completi, pronti a confrontarsi con le sfide del mercato contemporaneo, in possesso delle conoscenze, delle competenze, della pratica.

 

Partnership per il design di interni

Grazie alla collaborazione di numerosi e prestigiosi partner, il dipartimento di Interior Design di IAAD offre la parte esperienziale che manca a molti percorsi sulla progettazione di interni.

Il rapporto che unisce didattica e il mondo del lavoro è, infatti, uno di quegli elementi caratteristici a cui si è fatto cenno.

Tutti gli studenti che si formano all’Istituto d’Arte Applicata e Design si confrontano concretamente con le tematiche reali e quotidiane che le aziende affrontano.

I progetti svolti in collaborazione con queste aziende hanno il vantaggio di mettere in luce i designer di interni più talentuosi e di far acquisire esperienza sul campo agli studenti. Forse ti piace, "Le partnership di IAAD: cosa accade dopo? Scopriamolo".

 

Interior design tra teoria e pratica

La figura dell'interior designer è diventata più attuale che mai in questi anni.

La ricerca del comfort, della funzionalità unita all’estetica degli ambienti indoor più diversi ha ampliato il campo di azione di questo progettista oltre agli spazi abitativi.

L’interior designer è spesso impiegato per l’organizzazione e l’arredo in spazi commerciali, uffici, alberghi, ma anche ambienti effimeri come le scenografie per eventi e fiere.

Come un regista, il designer ha una visione d’insieme di uno spazio e si occupa di organizzare tutti quegli aspetti che interessano l’ambiente in relazione alle persone che lo useranno - colori, funzioni, materiali, profumi, suggestioni, luci, emozioni - che si tratti di un rinnovamento o di una creazione ex novo.

 

Lavorare come interior designer… online

Per progettare lo spazio, il designer si muove nella terra di mezzo, un luogo di confine dove si incontrano arte, tecnologia e progettualità.

Il suo compito è tradurre la relazione tra le persone e gli ambienti in un progetto, creando un luogo connotato in grado di rispondere alle esigenze d’uso specifico di quell’ambiente, alla qualità di vita secondo gli standard più evoluti, ma anche alla personalità del committente. 

Questo tipo di lavoro, grazie agli strumenti tecnologici a disposizione del designer, può essere in parte svolto a distanza, online.

L’esperienza della pandemia di questi ultimi due anni, infatti, ha del tutto sdoganato lo smart working anche in professioni meno avvezze, dimostrando il forte potenziale di questa modalità.

Certo, per potere usare la tecnologia a proprio servizio e in modo efficace, è necessario avere delle competenze digitali specifiche. 

Ecco perché il corso di Interior Design di IAAD ha integrato in modo lungimirante tutte le discipline che servono a trarre il meglio dalle tecnologie più attuali.

 

Vuoi saperne di più sull'Offerta Formativa e le opportunità di carriera con IAAD? Prenota un colloquio di approfondimento con l'Ufficio Orientamento.

UFFICIO ORIENTAMENTO TORINO

UFFICIO ORIENTAMENTO BOLOGNA